News

A spasso nel nostro territorio

Naviglio turbigo

HO DETTO STOP ALLA CORSA SUL TAPIS ROULANT!

L’altro giorno ho avuto la conferma di quanti angoli nascosti esistono nel nostro territorio che non conosciamo, che non vediamo e che sottovalutiamo.

Domenica pomeriggio decido di fare una corsa defaticante, più km ma lenti per gustarmi il tratto lungo il Naviglio Grande che va dal ponte di Turbigo fino a Castelletto di Cuggiono passando per Robecchetto con Induno.

Leggo subito una targa sulla prima corte ristrutturata che vedo, lì ha soggiornato Napoleone Bonaparte.

Poco più avanti ville, caseggiati e cascine lasciano spazio all’immaginazione, l’idea di vacanza a poche centinaia di metri da casa mi affascina.

    Naviglio turbigo1

Al ristorante San Pietro sosta per rinfrescarmi alla fontanella. Come me tanti che hanno optato per una domenica nel proprio territorio, in bici, a piedi, da soli o in compagnia. Insieme ad un ghiacciolo o ad una bibita rinfrescante, ti gusti soltanto i rumori della natura e dei bimbi che giocano.

Proseguo. Raggiungo il monumento ai caduti partigiani e in quei secondi la mente si sposta al passato per una veloce riflessione.

Dopo tanti chilometri, una leggera salita mette a dura prova il mio fiato. La fatica però è ripagata dalla meravigliosa Cascina ‘Il Guado’, casa privata e tipografia della zona. Qualcuno la conoscerà anche come uno dei set dove Checco Zalone ha girato delle scene di un suo film.

    Il guado

Qualche altra centinaia di metri e guarda cosa c’é: ‘Cascina Galizia’. Quanta gente e quante macchine! Decido che la prossima volta allungherò il mio percorso attraversando il ponte sul Naviglio per provare questo agri-gelato che sponsorizzano.

    Cascina-Galizia-agriturismo-di-charme-dove-passare-le-feste-divertendosi-2

Ora vado avanti secondo i piani. Non ci vuole molto e tra la ricca vegetazione l’occhio cade sulla maestosa scalinata della Villa Clerici, un edificio della seconda metà del XVIII secolo.

    clerici1

E poi ristoranti, bar, scuola di canoa e gente che sosta sulle sponde del Naviglio prendendo il sole.

Al ponte di Castelletto di Cuggiono giro i tacchi e torno indietro. Per oggi è stato sufficiente.

E’ consueta la mia corsa lungo il Villoresi, il Naviglio o i sentieri del Parco del Ticino.

Mi capita spesso di rallentare il passo, avvistare un airone con la mamma che spiccano il volo, una coppia di anatre che di colpo scompaiono sott’acqua, un gregge di pecore al pascolo nei prati.

    anatre

Che sia di corsa, camminando o in bici buona passeggiata a tutti.

Roberta Alopari – Office Manager

Nuovo Studio Castano Team

Team Casa Castano

Comments are closed.